L'area news è dedicata alla pubblicazione ed archiviazione di articoli, notizie, news in evidenza, immagini, video e altri materiali multimediali di tutte le categorie.


Con la Comunicazione COM(2016)356 – A European agenda for the collaborative economy – la Commissione Europea prende posizione sull’ampiamente dibattuto tema della sharing economy, enucleando linee guida e orientamenti di tipo legale e di policy diretti alle autorità pubbliche, agli operatori del mercato e ai cittadini interessati.

Prima ancora di analizzare i diversi profili trattati, con particolare riferimento a quelli con ripercussioni lavoristiche, occorre sottolineare come la Commissione abbia optato per l’adozione di uno strumento di soft law, nell’intervenire su questa tematica oggetto di discussioni molto accese. Come sottolineato all’interno della Comunicazione si tratta, quindi, di uno strumento non vincolante per gli Stati Membri. Ciononostante è sicuramente un intervento di estremo interesse che oltre ad offrire un’analisi sulle modalità applicative delle normative europee rilevanti suggerisce alcuni possibili indirizzi per le attività di regolamentazione interna.

La DG della Commissione Europea “Sviluppo e cooperazione EuropeAid” ha il compito di elaborare le politiche europee in materia di sviluppo e fornire assistenza in tutto il mondo. EuropeAid eroga aiuti mediante una serie di strumenti finanziari, impegnandosi per assicurare la qualità e l'efficacia dell'assistenza dell'UE.

In quanto soggetto attivo e proattivo nel settore dello sviluppo, promuove il buongoverno, lo sviluppo umano ed economico e affronta questioni universali, quali la lotta contro la fame e la conservazione delle risorse naturali.

Il nuovo approccio della Commissione per il 2014-2020

Le proposte di bilancio sosterranno il nuovo approccio della Commissione – "Un programma di cambiamento" – volto a concentrare l'aiuto dell'UE in meno settori, a sostegno della democrazia, dei diritti umani e del buon governo, e a stimolare la crescita inclusiva e sostenibile.

Opportunità e finanziamenti

Documentazione Mercoledì, 11 Maggio 2016 15:19

 

Il nuovo bilancio dell’UE, o quadro finanziario pluriennale, copre il periodo 2014-2020. I programmi dell’UE della nuova generazione si basano sui successi del passato, ma sono stati migliorati e snelliti e danno molto spazio ai settori chiave per il futuro dell’UE: ricerca e innovazione, trasporti, energia, opportunità di lavoro per i giovani e miglioramento della competitività delle imprese europee, per citarne solo alcuni.

Un altro aspetto cui abbiamo prestato particolare attenzione è lo snellimento delle pratiche burocratiche. L’UE ha semplificato le regole finanziarie per le imprese, le città, le regioni, gli scienziati e le ONG dell’Unione.

Cerca nel Sito

In primo piano